Materassi antidecubito: guida completa, recensioni, approfondimenti

Di: Elena F. - Aggiornato il: 02-09-2018 alle 11:47 am

Le piaghe da decubito sono aree di pelle e tessuto lesionati. Sono solitamente causate dallo stare seduti o distesi troppo a lungo nella stessa posizione. Questo mette pressione su alcune aree del corpo. La pressione può ridurre l’apporto di sangue alla cute e ai tessuti sottocutanei.

Quando non si cambia di posizione abbastanza spesso e l’apporto di sangue diventa troppo scarso, può venire a formarsi una piaga. Le piaghe da decubito vengono anche chiamate lesioni da pressione o ulcere da decubito.

I sintomi di una piaga da decubito

Ci sono quattro stadi per quanto riguarda le piaghe da decubito. I relativi sintomi sono elencati di seguito:

Primo stadio.  Una piaga da decubito di primo stadio è osservabile come un’alterazione dell’integrità cutanea provocata dalla pressione. Facendo un confronto con le aree del corpo opposte o adiacenti si potrebbero notare i seguenti cambiamenti: temperatura cutanea (più calda o più fredda), consistenza del tessuto (indurito o molle), e/o sensazioni di dolore e prurito. L’ulcera appare come una zona ben definita dove la cute è arrossata nelle pelli più chiare, mentre in quelle più scure, oltre che arrossata, potrebbe essere anche bluastra o violacea.

Secondo stadio. La perdita parziale dello spessore cutaneo coinvolge sempre l’epidermide, il derma o entrambi. L’ulcera è solitamente superficiale e si presenta clinicamente come un’abrasione, una vescica o una cavità poco profonda.

Terzo stadio.  La perdita completa dello spessore cutaneo include il danno, o la necrosi, del tessuto sottocutaneo, cosa che potrebbe estendersi fino alla fascia sottostante, senza però attraversarla. L’ulcera si presenta clinicamente come una cavità profonda con o senza sottominatura (estensione della piaga oltre i margini visibili) del tessuto circostante.

Quarto stadio. La perdita completa dello spessore cutaneo include una distruzione estesa dei tessuti, la loro necrosi, o un danno alle strutture muscolari, ossee e di sostegno (ad esempio i tendini, le articolazioni e le relative capsule). La sottominatura della ferita e i tratti cavitari (zone di raccolta di liquido infiammatorio) sono associati alle piaghe da decubito di quarto stadio.

Chi è maggiormente affetto

Chiunque stia seduto o disteso nella stessa posizione per molto tempo potrebbe sviluppare piaghe da decubito. E’ molto più probabile che tu le accusi se sei paralizzato, se usi una sedia a rotelle o se passi la maggior parte del tuo tempo a letto.

Tuttavia, perfino le persone in grado di camminare possono sviluppare piaghe da decubito quando costrette a rimanere a letto a causa di malattie o infortuni. Alcune patologie croniche, come il diabete e l’arteriosclerosi, rendono difficile la guarigione delle piaghe da decubito a causa della scarsa circolazione sanguigna.

In quali parti del corpo puoi sviluppare piaghe da decubito?

Le piaghe da decubito solitamente si sviluppano su parti del corpo scarsamente rivestite da grasso. Queste lesioni sono più comuni sui talloni e sui fianchi. Altre zone a rischio di piaghe da decubito includono la base della colonna vertebrale (coccige), le scapole, il retro e i lati delle ginocchia, e la parte posteriore della testa.

Prevenire è meglio che curare, ma ci sono diverse cose che puoi fare per assicurarti che le piaghe da decubito guariscano:

  • Ispeziona la tua pelle per individuare eventuali segni precoci di lesione
  • Cambia spesso la tua posizione per prevenire la formazione di piaghe
  • Allevia la pressione che ha causato la lesione e tratta la lesione stessa
  • Se sei a rischio di ulcere da decubito non usare mai materassi standard
  • Migliora la tua dieta per aiutare la piaga a guarire

Cosa si può fare per ridurre le piaghe da decubito?

Non stare appoggiato sulle piaghe da decubito. Usa dei cuscini in gommapiuma per alleviare la pressione dalla lesione. Esistono materassi, rivestimenti e cuscini speciali che possono aiutarti e sostenerti quando sei a letto o seduto al fine di ridurre la pressione. Cerca di evitare di poggiare direttamente sul fianco quando sei disteso di lato. Mettiti dei cuscini sotto così da far poggiare il peso sulla parte carnosa del gluteo piuttosto che sull’anca. Inoltre, usa dei cuscini per separare ginocchia e caviglie. Quando sei disteso sulla schiena, mettiti un cuscino sotto i polpacci per sollevare le caviglie dal letto. Quando sei disteso a letto, cambia posizione almeno ogni due ore.

Quando sei seduto in una sedia o in una sedia a rotelle, siedi dritto. Una posizione corretta ti permetterà di muoverti più facilmente e aiuterà a prevenire nuove piaghe. Dovresti cambiare posizione ogni 15 minuti quando sei seduto. Se non puoi muoverti da solo, fatti aiutare da qualcuno a cambiare posizione.

Come tenere pulita la piaga da decubito?

Per guarire, le piaghe da decubito devono essere tenute pulite e libere dal tessuto morto. Le lesioni di primo stadio possono essere pulite con acqua mescolata ad un sapone delicato. Puoi pulire le piaghe di terzo stadio sciacquando la zona affetta con una soluzione salina. L’acqua salata rimuoverà i liquidi in eccesso e il materiale di scarto. Il tuo medico o la tua infermiera possono mostrarti come pulire la tua piaga da decubito.

Le piaghe da decubito dovrebbero essere tenute coperte con un bendaggio. A volte viene usata della garza. La garza va tenuta bagnata e deve essere cambiata almeno una volta al giorno. I nuovi tipi di bendaggio includono una pellicola trasparente e un rivestimento idrocolloidale. Questo è un bendaggio fatto di un gel particolare, che si va a plasmare sulla piaga da decubito e aiuta a promuovere la guarigione e la crescita della pelle. Questi bendaggi possono essere usati per parecchi giorni alla volta.

Il tessuto morto (che potrebbe assomigliare ad una crosta) nella piaga può interferire con la guarigione e portare ad infezioni. Ci sono molti modi di rimuovere il tessuto morto da una piaga da decubito. Sciacquare la lesione ogni volta che si cambia il bendaggio è sicuramente utile. Puoi usare anche bendaggi speciali che aiutano il tuo corpo a sciogliere il tessuto morto. Questi ultimi si lasciano nella sede della lesione per diversi giorni.

Un altro modo per rimuovere il tessuto morto è mettere delle garze bagnate sulla piaga e lasciarle asciugare.

Il tessuto morto si attaccherà alla garza e verrà rimosso una volta tolta. Per quanto riguarda le piaghe da decubito più gravi, il tessuto morto dovrà essere rimosso chirurgicamente.

Rimuovere il tessuto morto e pulire la piaga può causare dolore. Il tuo medico può prescriverti un antidolorifico da assumere 30-60 minuti prima di cambiare il bendaggio, per ridurre il dolore.

Perché una dieta corretta è importante per la guarigione delle piaghe da decubito?

Una dieta sana è importante perché aiuta il tuo corpo a guarire la lesione. Se non assumi abbastanza calorie, proteine e altri nutrienti (specialmente vitamina C e zinco, che aiutano a guarire le ferite), il tuo corpo non sarà in grado di riprendersi, indipendentemente da quanto ti prendi cura della piaga da decubito. Il tuo medico, la tua infermiera o il tuo dietologo può consigliarti a proposito della dieta da seguire. Assicurati di dire al tuo dottore se hai perso o preso peso recentemente.

Cosa succede se la piaga da decubito si infetta?

Le piaghe da decubito che si infettano guariranno più lentamente e possono diffondere una pericolosa infezione al resto del tuo corpo. Se noti uno o più dei segnali di infezione elencati di seguito, chiama subito il tuo medico.

I segni di infezione in una piaga da decubito:

  • Pus denso di colore giallo/verde
  • Un cattivo odore emanato dalla lesione
  • Arrossamento o calore attorno alla piaga
  • Gonfiore attorno alla ferita
  • Indolenzimento attorno alla lesione

Segnali di diffusione dell’infezione:

  • Febbre
  • Brividi
  • Confusione mentale o difficoltà a concentrarsi
  • Tachicardia
  • Debolezza

Come si trattano le piaghe da decubito infette?

Il trattamento di una lesione infetta dipende dalla gravità dell’infezione stessa. Se ad essere infetta è solo la piaga, va applicata una pomata antibiotica. Se invece vengono colpiti anche l’osso e i tessuti profondi, è spesso necessaria una terapia antibiotica globale. Questa può essere somministrata endovena (attraverso un ago inserito nella vena) oppure orale (per bocca).

Capire se la piaga sta migliorando

Man mano che la lesione guarisce, diventerà lentamente più piccola. Ne sgorgherà meno liquido. Inizierà a crescere nuovo tessuto sano in fondo ad essa. Il tessuto nuovo sarà rosa acceso o leggermente rosso, grumoso e brillante. Potrebbero volerci 2-4 settimane di trattamento prima di vedere qualche segno di guarigione.

Come possono essere prevenute le piaghe da decubito?

La misura più importante per prevenire le piaghe da decubito è evitare una pressione prolungata su alcune parti del tuo corpo, specialmente i punti di pressione nominati in precedenza.

E’ anche importante mantenere la pelle sana. Tienila pulita e asciutta. Usa un sapone delicato e acqua tiepida. Applica una crema idratante cosicché la tua pelle non si secchi troppo. Se devi passare molto tempo a letto o su una sedia a rotelle, controlla ogni giorno tutto il corpo per individuare puntini, variazioni di colore o altri segnali di lesione. Fai particolare attenzione ai punti di pressione dove è più facile che si verifichino piaghe. Se fumi, dovresti smettere, in quanto le persone che fumano svilupperanno più facilmente piaghe da decubito.

L’esercizio fisico può aiutare a migliorare il flusso sanguigno, a rafforzare i tuoi muscoli e migliorare la tua salute in generale. Parla con il tuo medico se trovi che l’attività fisica sia difficile per te. Lui/lei potrà suggerirti degli esercizi adatti a te, o raccomandarti un fisioterapista in grado di aiutarti.

L’uso del materasso antidecubito

Perché un materasso antidecubito ad aria dovrebbe essere usato come aiuto contro le piaghe da decubito?

Lo scopo di un materasso antidecubito (anche noti come materassi ad aria e materassi a decompressione) è di distribuire il peso corporeo in modo omogeneo, modificando lo spessore e la consistenza dei tubi d’aria al proprio interno attraverso una espansione controllata dell’aria grazie ad un compressore. Le parti corporee vengono così sollevate di gran parte della pressione, e ciò permette un afflusso di sangue attraverso i tessuti e i capillari così da ossigenare e portare nutrienti nelle zone afflitte dalla piaga. Il materasso è un importante aiuto per la prevenzione delle piaghe da decubito per coloro che non possono muoversi dal letto, e aiuta anche a ridurre lo stress a cui sono sottoposti coloro che si occupano del paziente.

Miglioramenti che il flusso d’aria può apportare:

  • Migliora il flusso sanguigno
  • Rinforza il flusso linfatico
  • Riduce il dolore causato dall’edema
  • Migliora le funzioni respiratorie.

Chi ha bisogno di un materasso antidecubito?

I pazienti disabili (inclusi quelli con traumi alla colonna vertebrale), che sono a letto da molto tempo, non coscienti, affetti da incontinenza urinaria e fecale, diabetici o con la pelle fragile, oppure che soffrono di debolezza o malnutrizione possono usare il materasso a decompressione per prevenire e gestire il problema delle piaghe da decubito.

Materasso antidecubito: quale scegliere?

Altrimenti leggi le recensioni o gli approfondimenti:

Recensioni e opinoni

Approfondimenti

Ultimo aggiornamento dei prezzi: 2018-09-25 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API