Reti a doghe: guida completa, recensioni, approfondimenti

Di: Elena F. - Aggiornato il: 02-09-2018 alle 10:28 am

Nella nostra introduzione al sistema letto vi letto abbiamo parlato dell’importanza che assumono la rete, il guanciale e ovviamente il materasso.

Ma quanto e’ importante la rete, ovvero il supporto sul quale poggia il nostro materasso?

Una rete vecchia, con le molle che hanno ceduto o con doghe rotte, rovinerà in breve tempo il nostro materasso, che cedera’ lui stesso perdendo forma e caratteristiche. A scapito ovviamente della nostra comodita’ e del nostro sonno.

Allo stesso modo, anche una rete nuova ma non adatta ad una certa tipologia di materasso potrebbe danneggiare il nostro materasso nuovo: si pensi ad una rete ortopedica, ovvero una base di legno con strette fessure, essa non consentirebbe il passaggio d’aria di cui necessitano i materassi in memory foam, in lattice e in poliuretano e favorirebbe cosi’ la formazione di muffe e l’accumulo di umidita’ al loro interno.

Ecco dunque almeno 5 buoni motivi per acquistare la rete adatta al nostro materasso:

  • dormirete meglio
  • avrete un materasso più salubre
  • il materasso durerà più a lungo
  • il materasso si conserverà meglio
  • il materasso manterrà più a lungo le sue caratteristiche peculiari
  • la rete esalterà le caratteristiche del materasso.

Vi sono tanti tipi di reti, qui di seguito le abbiamo divise per comodità in 3 macrocategorie:

  • Rete a molle: chi non ha mai dormito su una rete a molle?! La rete a molle e’ stata per decenni il supporto sul quale hanno dormito milioni di persone al mondo. Oramai viene considerata obsoleta e poco confortevole: le molle dopo qualche anno  perdono elasticità, oltre a disturbare il sonno con fastidiosi cigolii.
  • Rete a doghe in legno (di solito in faggio o tiglio): si tratta di listelli lunghi e stretti (o larghi) che, posizionati orizzontalmente su di un telaio, assicurano corretta distribuzione dei pesi e adeguata aerazione del materasso. Questa tipologia di rete e’ molto usata negli ultimi anni in quanto:  piu’ confortevole, duratura, costituita da materiali naturali e silenziosa.  Le reti a doghe in legno possono essere di diverse tipologie: ammortizzate, all’estremità di ogni doga sono presenti degli ammortizzatori oscillanti con la funzione di ammortizzare  i movimenti; non ammortizzate, in questo tipo di doghe l’elasticità dipende solo dalla loro curvatura. Le reti a doghe possono essere fisse o reclinabili. La rete reclinabile e’ l’ideale per chi ama leggere oppure guardare la televisione a letto ed e’ di grande aiuto per le persone anziane che da sole fanno fatica ad alzarsi dal letto; la rete reclinabile può essere di due tipi, manuale o elettrica (con telecomando e senz’altro piu’ comoda di quella manuale). Le reti a doghe fisse, le più vendute, sono costituite da doghe collocate a distanze regolari e che non possono essere modificate; ci sono poi le reti a doghe regolabili, che possono essere spostate e consentono una maggiore personalizzazione del piano letto.
  • Rete ortopedica: si tratta di un piano unico e rigido che presenta delle fessure che permettono l’aerazione del materasso. La rete ortopedica e’ un sostegno molto rigido, adatto solo a persone con specifiche patologie o dal peso elevato e va acquistata solo su consiglio medico.

L’accoppiata materasso e rete

Abbiamo parlato di diversi tipi di rete e abbiamo accennato a reti a doghe, strette, larghe, ammortizzate, non ammortizzate. Ma qual e’ la rete ideale per ogni tipo di materasso?

Eccovi qui di seguito alcuni suggerimenti:

I materassi in lattice, in memory foam, in poliuretano prediligono le reti a doghe strette, curvate e ammortizzate in quanto garantiscono un sostegno graduale e una buona ventilazione del materasso. Possono essere utilizzati anche in combinazione con le reti reclinabili, senza pericolo di rovinare il materasso.

I materassi a molle tradizionali bonnel e a molle indipendenti prediligono le reti a doghe larghe, curvate, non ammortizzate e poco distanziate le une dalle altre. Infatti i materassi a molle sono gia’ piuttosto aerati al loro interno e quindi non hanno bisogno di reti sottili e molto distanziate tra loro, hanno  piuttosto bisogno di un buon sostegno su tutta la base affinche’ le molle rimangano sempre integre e non si deformino. I materassi a molle, non vanno collocati su reti reclinabili per non compromettere l’integrità delle molle, soprattutto quelli a molle tradizionali Bonnel.

Altrimenti leggi le recensioni o gli approfondimenti:

Recensioni e opinoni

Approfondimenti

Cosa ne pensi? Lasciaci la tua opinione