Materasso gonfiabile: guida completa, recensioni, approfondimenti

Di: Elena F. - Aggiornato il: 02-09-2018 alle 11:20 am

Il materasso gonfiabile rappresenta una buona soluzione per il sonno quando serve un letto temporaneo per amici o ospiti. Molti, tuttavia, trovano che sia anche un’ottima soluzione per la casa di vancanza, dove magari si dorme solo qualche settimana all’anno.

Guida completa

I materassi gonfiabili sono materassi che vengono gonfiati con l’aria; sono molto pratici perché quando svuotati della stessa occupano poco spazio e possono essere piegati e riposti senza problemi in qualsiasi angolo libero dell’armadio.

In commercio esistono diverse tipologie di materassi gonfiabili e, a seconda dell’uso che dovrete farne, potete scegliere un tipo piuttosto che un altro.

Di seguito vi riportiamo le principali categorie, mentre nel menù laterale trovate le nostre recensioni e opinioni.

  • Materassi gonfiabili per dormire in casa (materassi per interni): ve ne sono di diversi tipi e i prezzi variano a seconda delle caratteristiche. Questi sono i materassi dei quali parleremo qui di seguito.
  • Materassini da campeggio/spiaggia: solitamente a struttura tubolare. Sono molto economici e vanno bene per l’uso per il quale sono stati creati, ovvero per dormirci sopra il tempo di una breve vacanza o per utilizzarlo in spiaggia in alternativa a stuoie, brandine o per giocarci nell’acqua. Si gonfiano manualmente con una pompa apposta, che può essere inclusa o acquistabile separatamente.
  • Materassini auto-gonfianti: questi materassini quando sono arrotolati sono sottili e occupano poco spazio,  per gonfiarli basta srotolarli, svitare il tappo presente su un lato del materassino e il gioco e’ fatto. Il materassino si gonfierà da solo aspirando l’aria dall’esterno in pochi minuti. Alla fine basterà qualche soffiata a bocca per finire di gonfiarlo fino alla durezza e all’altezza gradita. Di solito raggiungono uno spessore che va dai 2,5 ai 5 cm, a seconda delle marche.

Materasso gonfiabile: quale scegliere?

materassi memory foamIn tutti i casi si tratta di modelli ben progettati, prodotti da aziende leader nel settore e venduti a prezzi che sono una frazione dei prezzi dei materassi tradizionali.

Come i divani letto, anche i materassi gonfiabili tendono ad avere una brutta reputazione e scegliere tra gli uni o gli altri può essere davvero una decisione difficile. Ma con le migliorie moderne, i materassi gonfiabili possono regalare ai vostri ospiti (ma anche a voi) un sonno profondo e beato ad un costo inferiore rispetto a quello di una notte in una stanza d’albergo. I prezzi, infatti, variano tra i 30 e gli 80 euro. E’ solo una questione di sapere quale modello si adatti meglio ai vostri bisogni.

Considerate questi fattori quando scegliete il vostro prossimo materasso gonfiabile:

  • Misura. I materassi gonfiabili sono disponibili nelle misure: singolo e matrimoniale. Se avete spazio e un certo budget, e soprattutto se pensate di avere due persone a dormire da voi, considerate di acquistare un materasso gonfiabile matrimoniale. Ricordate soltanto che, nella stanza in cui dormiranno gli ospiti, avrete bisogno non solo dello spazio per il materasso gonfiato, ma anche dello spazio per conservarlo una volta che è sgonfio e non in uso. Ma, fortunatamente, molti materassi gonfiabili si richiudono e diventano molto compatti, circa della dimensione di un bagaglio a mano, se non più piccoli.
  • I vostri ospiti. Se ospiterete bambini o ragazzi che si adeguano a tutto e sono ben felici di non dormire sul pavimento o sul divano, può essere sufficiente un materasso gonfiabile di base, che rimane basso sul pavimento. Gli ospiti più anziani che hanno più difficoltà ad abbassarsi sul pavimento (e a tirarsi su), o quelli che preferirebbero un “letto vero”, apprezzeranno un materasso più spesso, eventualmente sollevato, il cosiddetto “materasso raised”. Alcuni materassi gonfiabili di lusso hanno anche una sorta di struttura letto attaccata. Ancora, ricordatevi che questi extra possono rendere il materasso più pesante da spostare e più ingombrante da conservare.
  • Gonfiaggio. Quand’è stata l’ultima volta che avete gonfiato dei palloncini? Un pallone da spiaggia? Un gommone? Non è facile, vero? Sicuramente potete risparmiare comprando un materasso gonfiabile che richiede lo sforzo dei vostri polmoni o una pompa per gonfiaggio, ma assicuratevi di accettare davvero l’idea di fare questo lavoro difficile e noioso, che vi farà perdere molto tempo, oltre a tutte le altre cose da fare per sistemare il materasso, una volta che gli ospiti saranno andati via. Alcuni dei modelli più sofisticati hanno una pompa elettrica incorporata e si gonfiano (e sgonfiano) da soli in pochi minuti. Altri richiedono che ne compriate una.
  • Caratteristiche. Alcuni materassi gonfiabili hanno divertenti caratteristiche che non sono assolutamente necessarie, ma possono essere interessanti se avete qualcosa in più da spendere. Per esempio, alcuni modelli hanno una luce LED blu ai piedi del letto, così se un ospite ha bisogno di usare il bagno durante la notte, può utilizzarla come lume incorporato. Altri hanno una porta USB, così un ospite può ricaricare il cellulare, il tablet o il portatile tutta la notte.
  • La biancheria. Certamente, un materasso gonfiabile di qualità può essere molto più comodo di quelli su cui magari avrete dormito molto tempo fa a casa di vostra nonna. Ma rispetto ad un materasso tradizione, si tratta sempre di aria avvolta da vinile (o PVC o acrilico). Scegliere quelli coperti di un materiale tipo “floccato” può aiutare ad evitare quella sensazione (e quel suono) delle lenzuola che scivolano sulla gomma. Ma se volete davvero rendere accogliente un materasso gonfiabile, avvolgetelo con della biancheria confortevole. Potete aggiungere un materassino in piuma o in memory foam, così come lenzuola di alta qualità e coperte morbide che aiuteranno i vostri ospiti a sentirsi come in un hotel a cinque stelle.

Materassi gonfiabili per interni

L’acquisto di materassi gonfiabili sta prendendo sempre più piede grazie a tutta una serie di vantaggi che li hanno resi molto popolari: permettono di allestire in un batter d’occhio un letto per un ospite improvviso o un amico troppo stanco per tornare a casa; hanno dei costi alla portata di tutti; quando sono chiusi occupano pochissimo spazio e sono facilmente trasportabili perché dotati di apposita sacca. Ve ne sono di molto comodi, confortevoli quanto altre tipologie di materasso e che possono dunque essere utilizzati per lunghi periodi.

I materiali di cui sono composti questi materassi sono plastiche e gomme speciali, combinate a fibre tessili mediante il procedimento di floccaggio che conferisce loro un aspetto vellutato e che fa in modo che le lenzuola aderiscano al materasso. I materassi migliori e più comodi sono quelli formati da due strati sovrapposti ed uniti tra loro. La fessura presente tra i due strati permette di infilarci le lenzuola che così non scivolano via, non si spostano durante la notte. Il materasso gonfiabile di solito viene venduto insieme ad un pompa elettrica che in 3-4 minuti gonfia rapidamente il materasso. Questo tipo di pompa fa molto rumore quindi cercate di non gonfiare il materasso nel cuore della notte!

Qualche trucco per dormire al meglio su di un materasso gonfiabile e per prendersi cura di lui:

  • E’ preferibile un materasso gonfiabile ad una piazza e mezza o matrimoniale anche se si dorme da soli. Non so perché ma il singolo risulta sempre troppo piccolo.
  • L’aria all’interno del materasso si raffredda durante la notte e, se è inverno e l’aria nella stanza è fredda, potreste svegliarvi nel cuore della notte infreddoliti. Stendete sul materasso gonfiabile una coperta o un sacco a pelo, questo vi permetterà di creare uno strato di isolamento fra voi e il materasso. Se possibile collocate il materasso su di un tappeto o su una coperta, così sarete più isolati anche dal freddo proveniente dal pavimento ed inoltre il materasso non farà rumore quando vi girerete.
  • Appoggiate il lato della testa contro il muro, così facendo il cuscino non cadrà giù dal materasso mentre dormite.
  • Comprate un materasso che abbia una pompa che vi permetta di regolare quanto gonfiare il materasso, questo per due motivi: le prime due/tre volte non va gonfiato troppo, bisogna dare il tempo al materiale di abituarsi alla trazione che sta subendo; di solito si dorme meglio su di un materasso che non è stato gonfiato troppo.
  • Con il passare dei giorni il materasso gonfiabile perde un po’ d’aria e per questo motivo andrebbe aggiunta un po’ d’aria almeno una volta alla settimana.
  • Tenete lontani cani e gatti dal materasso gonfiabile, con le unghie o gli artigli potrebbero bucarlo.
  • Se il vostro materasso gonfiabile è arrivato sprovvisto di kit per riparare eventuali forellini, procuratevene uno. Prima o poi vi capiterà di doverlo usare. Come trovare dov’è il buco? Cliccate qui e vi forniremo alcuni trucchi.
  • I materassi gonfiabili non sono eterni, con l’utilizzo la plastica si rovina, il materiale cede ed iniziano a formarsi dei fori, è una cosa normale ma se acquistate prodotti buoni dureranno sicuramente più a lungo rispetto a prodotti magari più economici ma di scarsa qualità.

    Materassi gonfiabili: prezzi

    I prezzi dei materassi gonfiabili variano, in genere, dai pochi euro ad oltre i cento. Floccatura, spessore del materiale, numero di camere d’aria ed altezza del materasso sono le caratteristiche principali che ne fanno salire il prezzo, ma anche quelle che lo rendono il materasso più confortevole e duraturo nel prezzo. In linea di principio, con i materassi gonfiabili, direi che la qualità è proporzionale al prezzo pagato.

    Materassi gonfiabili elettrici

    Per essere utilizzati, questi materassi devono essere riempiti d’aria. A tal scopo esistono sia pompe manuali, che pompe elettriche. Laddove si preveda l’impiego del materasso in zone fornite di alimentazione elettrica a 220V e si intenda utilizzare il materasso in modo continuo o, comunque, “intensivo”, raccomando di optare per una pompa elettrica (che potete acquistare online per pochi euro). Alcuni modelli  sono forniti di pompa elettrica incorporata.

    Altrimenti leggi le recensioni o gli approfondimenti:

    Recensioni e opinoni

    Approfondimenti