Come scegliere la rigidità del vostro materasso?

Di: Elena F. - Aggiornato il: 30-08-2018 alle 12:19 pm

Tutti almeno una volta nella vita ci siamo posti la domanda, “quale materasso scegliere”, magari sentendoci anche un po’ spiazzati di fronte ad un mare di offerte. Questa non è una bella sensazione, ancor più perché sappiamo che con la risposta a questo quesito ci dobbiamo convivere per i prossimi 5-15 anni.

La qualità del vostro materasso è un aspetto fondamentale per il vostro sonno poiché esso fornisce sostegno alla vostra schiena e alle vostre articolazioni, permette un corretto allineamento e attenua i punti di pressione e il dolore.

Come potete ben immaginare, dormire su un supporto che non è per nulla adatto a voi può inevitabilmente interferire sul vostro riposo notturno, provocando dolore, tensione e altri problemi.

Sappiamo che potreste sentirvi un po’ spaesati davanti alla vasta scelta che vi si prospetta davanti, oggigiorno con così tanti marchi e modelli di materassi, ognuno con diverse caratteristiche, potrebbe risultare difficile effettuare un acquisto giusto.

L’importante è che non pensiate assolutamente di dover rimandare lo shopping soltanto perché vi sentite sopraffatti da questo processo di acquisto. Non c’è effettivamente nulla da temere: basta informarsi, leggere guide chiare e dettagliate riguardo i materassi, confrontare le tipologie e i modelli e affrontare con serenità e senza stress un acquisto che migliorerà sicuramente la qualità del vostro sonno e quindi, automaticamente, le vostre giornate da ora a venire.

E’ fondamentale per voi in questo momento prendere nota di ciò che desiderate: le preferenze in fatto di materassi sono ovviamente molto soggettive quindi, quando siete in cerca del vostro nuovo materasso, tenete in considerazione solo voi stessi e i vostri desideri. Prima di iniziare ad acquistare, può risultare molto utile fare una lista precisa di cosa volete dal vostro nuovo letto in modo da concentrarvi meglio su cosa state cercando. Non dimenticate di includere il vostro partner però!

Provate a chiedervi quali sono le cose che preferite del vostro attuale materasso e quali invece le cose che non vi piacciono, quelle di cui potete fare volentieri a meno. Mettete a fuoco le domande e i dubbi che volete chiarire, interrogatevi su cosa vi aspettate dal vostro nuovo letto e se eventualmente avete bisogno di sostituire anche altri accessori come ad esempio cuscini e la rete.

Pensare accuratamente a tutto questo vi aiuterà sicuramente a farvi un’idea migliore su cosa cercare esattamente. Alcune risposte potrebbero sembrarvi scontate, ma scrivere tutto è molto utile, soprattutto alla fine quando state per scegliere il materasso giusto tra i vari candidati finali.

Come scegliere la rigidità del vostro materasso?

La rigidità del materasso rappresenta un grande motivo di confusione per gli acquirenti. Ciò è dovuto soprattutto alla difficoltà che sopraggiungono al momento di paragonare i livelli di rigidità tra le varie marche e modelli, alla mancanza di una classificazione standard e alla natura arbitraria del comfort.

I produttori di materassi generalmente etichettano i letti su una scala da molto soffice a molto rigido, ma come risulta poi davvero il materasso, questo varia da marchio a marchio e ciò che è medio per una persona può risultare rigido per un’altra. Per complicare ulteriormente le cose, c’è da dire che la maggior parte dei letti spesso si ammorbidiranno inevitabilmente un po’ nei primi due anni di vita.

Se avete dubbi riguardo la rigidità del vostro materasso dovete sicuramente considerare due fattori: la posizione che assumete durante il sonno e la vostra comodità personale

Qui ci sono delle linee guida generali riguardanti la durezza dei materassi in base alla preferenza della posizione del sonno:

Chi dorme su un lato ha bisogno di un materasso abbastanza cedevole per permettere ai fianchi e alle spalle di affondare un po’ mentre invece la vita e la zona lombare vengono sostenute correttamente. La vostra spina dorsale dovrebbe stare dritta e parallela al pavimento quando siete stesi. Un materasso da medio a morbido avrà la rigidità ideale per voi

Chi dorme ha pancia in su ha bisogno di una superficie di supporto che sia sicuramente in grado di sostenere l’allineamento naturale. Un po’ come quando state dritti in piedi, la vostra spina dorsale dovrebbe avere una leggera curva, ma non dovrebbe esserci più di un dito di larghezza tra la vostra schiena e il letto per evitare tensione muscolare. I letti di rigidità media probabilmente saranno quelli più adatti a voi.

Chi dorme a pancia sotto ha bisogno di un letto che sia davvero di sostegno, che impedisca alla parte superiore del corpo di scendere troppo, ciò infatti potrebbe causare dolori alla schiena e al collo. I letti con un livello di rigidità maggiore dovrebbero essere perfetti per questa categoria.
C’è da dire che ci sono altre variabili che possono influenzarvi sulla preferenza della rigidità come ad esempio l’età, il peso e le condizioni mediche.

Potreste preferire letti più morbidi andando avanti con gli anni in quanto i tessuti diventano più sensibili alla compressione e ai punti di pressione.

Le persone più robuste potrebbero aver bisogno di letti più rigidi per ricevere un sostegno adeguato e potrebbero stare più comodi con strati più sottili di un materiale morbido che attutisca le curve.

Se avete delle malattie che causano dolori come ad esempio l’artrite o la fibromialgia, sicuramente dovrete tenere conto di ciò al momento della scelta del materasso in quanto il sostegno e il sollievo dei punti di pressione saranno due fattori importantissimi da tenere in considerazione. In genere in questi casi sono consigliabili materassi da medi a medio-rigidi, è stato infatti dimostrato che siano in grado di offrire livelli più alti di comfort e portano un miglioramento dei dolori rispetto ai materassi morbidi o rigidi.

Se state cercando di decidere tra i vari livelli di rigidità, in genere consigliamo di scegliere l’opzione più rigida per due motivi: prima di tutto, i materassi si ammorbidiscono con l’utilizzo e con il passare del tempo, in secondo luogo potreste sempre eventualmente aggiungere un materassino morbido sopra al letto rigido, mentre cercare di aggiustare un letto troppo soffice non è poi così semplice.

Il budget per il nuovo materasso

In genere la cifra media che andrete a spendere per un nuovo materasso matrimoniale si aggira tra iI 200 e i 400 euro. Sappiate che acquistare un materasso molto costoso non è sempre garanzia di comodità, anzi, ci sono letti valutati meglio nelle categorie di prezzo inferiori.
Piuttosto che pensare a spendere una determinata cifra, fissate un limite massimo per il vostro budget e organizzatevi a paragonare le caratteristiche dei materassi entro quella cifra.

Le caratteristiche di ogni modello sono molto importanti e vi diranno molto più di quanto possano dirvi il prezzo o il marchio.

In genere, ci piace pensare che i prodotti più conosciuti o più costosi siano decisamente migliori, ma quando si tratta di materassi questo non è poi così vero. Confrontati al nome o ai prezzi, i dettagli più specifici saranno in grado di esservi d’aiuto molto di più per quanto riguarda informazioni sulla potenziale qualità del letto, sulla durata e sul valore.

Con i materassi in memory foam, per esempio, le cose principali a cui prestare attenzione sono la densità del memory foam, la densità della gommapiuma interna, lo spessore degli strati, la copertura e che i materiali siano ignifughi. Potreste trovare letti con prezzi simili che però variano in modo considerevole in termini di qualità, a prescindere dalla tipologia.

Vi consigliamo sicuramente di cercare descrizioni dettagliate sui differenti materiali che compongono i vari strati del materasso. Questi dettagli possono aiutarvi a determinare quanto siano paragonabili letti differenti e quale di essi sia il più adatto a voi.