Home » MATERASSO MEMORY » I materassi in memory foam e caldo: il memory foam fa davvero “caldo”?

I materassi in memory foam e caldo: il memory foam fa davvero “caldo”?

Nonostante la maggior parte dei consumatori dichiari di dormire alla grande sui materassi di memory foam e di apprezzarne i benefici, c’è anche chi sostiene che questi supporti “facciano caldo”. Ma cosa significa esattamente che un materasso è “caldo” o che scalda? In questo articolo spieghiamo questo fenomeno, in parole semplici, e perché se ne discute così tanto.

memory foam calore

E’ stato dimostrato che la temperatura ottimale per il sonno è compresa tra i 18 e i 20 gradi. In questo intervallo di temperature il corpo è in grado di rilassarsi e non ha bisogno di lavorare oltre per regolarsi.

La maggior parte delle persone comincia a rabbrividire o a sudare se la temperatura scende o sale rispetto a questo intervallo.

A dire il vero, piccoli scostamenti verso il basso, quindi temperature leggermente più fredde, tendono a produrre un sonno migliore, mentre piccoli scostamenti verso l’alto, quindi temperature leggermente superiori, tendono a provocare subito un senso di caldo che non favorisce il sonno. Questo è tanto per dire quanto siamo sensibili a minime variazioni termiche, soprattutto quando si tratta di caldo. Vien da se che distendersi a letto con il materasso ad una certa temperatura, magari confortevole, e dopo qualche decina di minuti avvertire una sensazione di “aumento” del calore, anche minima, non aiuti.

Struttura del memory foam a e calore

Per procedere oltre nelle nostra discussione sul memory foam ed il calore dobbiamo spendere un paio di parole sul come è fatto il memory foam.

Il memory foam è una schiuma poliuretanica viscoelastica che ha un’elevata capacità di conservare il calore, il che gli permette di essere comodo e di adattarsi alla forma del corpo. Questa schiuma è sensibile alla temperatura (oltre che al peso) e quindi tende a diventare meno viscosa (più malleabile e “morbida”) mano che la temperatura corporea la riscalda. E’ in questo modo che il materasso memory foam riesce ad adattarsi ai alla forme del tuo corpo.

Ad esempio,  se dormi su un fianco, la schiuma affonderà molto di più sulle spalle e sui fianchi, permettendo alla colonna vertebrale di rimane dritta e di distribuire il tuo peso sul materasso in modo più uniforme. Ecco perché molte persone sostengono che i materassi in memory foam aiutino a ridurre sintomi come il mal di schiena e l’artrite. Se cambiate posizione o girate, il materasso si adatta gradualmente alla vostra nuova forma.

– Leggi anche:   Sweet Armony di Baldiflex

Gli effetti secondari di questo comportamento sono che:

  1. conservando il calore, il memory foam non disperde facilmente quello che assorbe dal corpo
  2. deformandosi e plasmandosi per adattarsi alla forma del corpo, il materasso finisce inevitabilmente con contenere alcune zone del corpo, riducendone in questo modo la ventilazione,

Questi due aspetti non aiutano a smaltire il calore corporeo.

Ad esacerbare il problema dello smaltimento del calore corporeo, secondo alcuni, contribuisce anche la densità del memory foam. Questo perché un materasso più denso (che possiamo pensare come un materasso più compatto) ha una peggiore ventilazione interna. Noi tuttavia non siamo tanto d’accordo con questa spiegazione: un materasso più denso è anche più rigido, il che si traduce con un minore propensione a deformarsi ed un minore effetto di contenimento del corpo.

Memory foam e sensazione di caldo, statistiche

Circa:

Per mettere questo dato in prospettiva, studi statistici riportano anche che:

  • circa il 4% di chi possiede un materasso a molle si lamenta del caldo
  • circa il 7% di chi possiede un materasso di lattice si lamenta del caldo

Secondo questi numeri, chi possiede un materasso in memory foam è più probabile che si lamenti del caldo, in ogni caso la percentuale relativa rispetto ad altri prodotti è piuttosto bassa.

Allora perché se ne parla così tanto? Perché in tanti si lamentano che i materassi memory foam fanno caldo?

La risposta è da trovarsi nella distorsione della percezione.

Per prima cosa, il memory foam è un materiale relativamente nuovo, e molte persone hanno la tendenza ad essere ipercritiche o comunque diffidenti verso il nuovo, soprattutto se si tratta di materiali sintetici. Parte di questa diffidenza è giustificata e e comprensibile, ma inevitabilmente porta ad aumentare il peso agli aspetti negativi e non a quelli positivi dei nuovi materiali.

– Leggi anche:   Il Memory Foam e le sue esalazioni

In secondo luogo, le persone deluse ed insoddisfatte tendono a lamentarsi e a far sentire di più la propria voce di quelle contente dell’acquisto appena fatto. In altre parole, chi ha avuto una cattiva esperienza è più probabile che scriva una recensione rispetto a chi ha vissuto un’esperienza media o buona.

Come rimediare all’accumulo di calore nei materassi memory foam

Negli ultimi anni chi produce materassi in memory foam ha cercato di combattere la loro associazione con il caldo e alcuni di questi sono riusciti a diminuire notevolmente le lamentele al riguardo.

Ci sono quindi varianti dei memory foam con lo strato superiore in gel sintetici.

Continua a leggere per scoprire le differenze tra questi tipi di memory foam e per scoprire come combattono il problema del caldo.

Il memory foam tradizionale

Questo materiale ha una struttura di cellule molto densa ed è reattivo alla temperatura dal momento che quando è esposto al caldo si ammorbidisce. La struttura della schiuma può però intrappolare il caldo e può risultare spiacevole.

Offerta
Baldiflex Materasso Matrimoniale Amazonia Top in Memory Foam 160x190 cm
Materasso in schiuma a memoria e water foam, misura 160 x 190 x 23 cm; Strato di schiuma a memoria alto 4 cm ed una lastra di supporto in water foam alta 17 cm
177,99 EUR
Offerta
Materassiedoghe - Materasso Memory Foam Matrimoniale 160x190-11 Zone differenziate Ortopedico Certificato Presidio Medico Classe I con DETRAZIONE FISCALE
Materasso in Memory Foam - Altezza 22 cm; Rivestimento 100% anallergico in tessuto tecnico altamente traspirante
156,75 EUR

Il memory foam con gel

Il memory foam con gel è una nuova combinazione che è stata creata apposta per rispondere al problema del caldo. A seconda di chi lo produce, il gel viene:

  • versato nella schiuma,
  • inserito come un nuovo strato al di sopra della schiuma
  • iniettato a gocce nella schiuma
– Leggi anche:   Densità del memory foam

Il gel ha chiaramente la funzione di migliorare il flusso d’aria durante il sonno.

Quanto sono efficaci questi gel è una domanda a cui è difficile dare una risposta: molto dipende dai vari produttori. Quello che è certo è che il materasso in gel viene venduto come un prodotto premium a un prezzo superiore, destinato ad una fascia di mercato di nicchia.

Offerta
Baldiflex Materasso Matrimoniale Amazonia Top in Memory Foam 160x190 cm
Materasso in schiuma a memoria e water foam, misura 160 x 190 x 23 cm; Strato di schiuma a memoria alto 4 cm ed una lastra di supporto in water foam alta 17 cm
177,99 EUR

In conclusione

Se la paura di avere troppo caldo ti ha dissuaso dallo scegliere un materasso memory foam, la verità è che in realtà non c’è molto di cui preoccuparsi.

Una bassissima percentuale si lamenta di questa caratteristica, e in base alle statistiche è improbabile che riscontrerai questo problema.

Se in generale hai problemi di sonno perché hai troppo caldo esistono alcuni tipi di memory foam che possono aiutarti. Questo significa che non devi rassegnarti a dormire su un materasso più scomodo per stare al fresco.

Ultimo aggiornamento dei prezzi: 2020-11-28 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API