Quando pulire non basta: 7 buoni motivi per cambiare materasso

Di: Elena F. - Aggiornato il: 07-11-2017 alle 2:31 pm

La carenza di sonno può avere effetti profondamente negativi sulla tua salute. Dormire male, magari su un materasso deformato o rovinato può rovinare il tuo benessere quotidiano, la tua salute e la tua vita di coppia. Benché sia sempre felice di condividere qualche suggerimento e consiglio su come pulire un materasso sporco o come aggiustarne un rovinato, non smetto mai di raccomandare ai miei amici lettori di non dormire su materassi fatiscenti!

Qui di seguito ti riassumo i 7 punti da tenere in considerazione nel qual caso tu sia in dubbio se cambiare materasso o meno.

  1. Gli esperti raccomandano di sostituire il materasso dopo 7/10 anni e di incominciare a tenerlo sotto controllo per macchine, odori e bontà del supporto già dopo 5 anni. Un materasso che è stato macchiato o tenuto in ambienti estremamente umidi o malsani probabilmente andarà cambiato molto prima dei 7/10 anni canonici.
  2. Se dopo aver dormito sul tuo materasso ti svegli nella notte o la mattina seguente con dolori muscolari forse allora sarebbe il caso di prendere in considerazione che potrebbe essere un problema di materasso. Non sottovalutare mai i segnali che ti da il tuo corpo!
  3. Se la notte spesso ti giri e rigiri nel letto fino al punto di infastidire il tuo partner allora potrebbe essere che dormi su un supporto non sufficentemente confortevole. Il materasso potrebbe non essere la sola causa della tua agitazione notturna: stress e problemi fisici potrebbero contribuire al tuo malessere. Anche qui, se hai avuto l’occasione di dormire in altri letti sui quali non hai riscontrato questo problema, magari allora il tuo materasso potrebbe esserne la causa.
  4. I vecchi materassi diventano dei ‘contenitori’ di elementi alleregenici, frammenti di pelle, macchie di liquidi biologici, germi ed acari. Questo accade anche a chi ha cura di lavare regolarmente le coperte e le lenzuola. Siccome non c’è modo di rimuovere completamente questi corpi estranei da un materasso usato, l’unica soluzione spesso è quella di cambiarlo.
  5. Se dormi su di materasso usato (che non è sempre stato tuo) e sul quale non sai chi ci abbia dormito prima, allora forse è il caso di cambiarlo. Nel caso di una coppia e di un materasso che appartenga alla storia di uno dei due, cambiare materasso è anche il modo migliore per porre nuove fondazioni alla propria vita insieme.
  6. Se il tuo corpo è cambiato, allora anche il tuo materasso andrebbe cambiato. In tal caso dovresti chiederti che materasso scegliersti se dovessi acquistarne uno nuovo oggi. La tua scelta ricadrebbe su quello che hai ora o su un altro modello, un altro supporto, un’altra durezza?
  7. Se, consapevole della tecnologia presente su mercato al giorno d’oggi, ti rendi conto che il tuo materasso è sorpassato, allora forse vale la pena cercare un materasso o un topper che, per qualche centinaio di euro, ti faranno sicuramente passare notti migliori.

Con questa breve carellata sui 7 principali motivi per cambiare il tuo materasso, spero di avervi fornito una check list per aiutarti nella tua scelta.

In altri post su questo sito troverai suggerimenti ed informazioni su tutte le opzioni disponibili sul mercato nel qual caso tu opti per un upgrade del tuo letto: dai materassi in lattice ai materassi memory foam, dai topper in lattice ai coprimaterassi antiacaro.

Cosa ne pensi? Lasciaci la tua opinione