Devi acquistare un cuscino? Ecco le cose da fare e quelle da evitare

Di: Elena F. - Aggiornato il: 05-11-2017 alle 11:32 am

Spesso mi capita di notare persone che, quando si tratta di cambiare il letto hanno la tendenza a sottovalutare l’importanza che ha scelta di un buon cuscino. Benché vada benissimo. Ovviamente non ha molto senso scegliere il miglior materasso e poi prendere il primo cuscino che – come si suol dire dalle mie parti – “vi tirando dietro!

Il cucino è il luogo dove poggiamo la testa, la bocca e gli occhi. E’ il luogo dove giace il nostro capo nei momenti in cui sognamo. Vi sarà certamente capitato di avere sogni orrendi e poi svegliarvi con il mal di testa o il mal di collo: c’è una forte interdipendenza tra la mente ed il corpo, ed i sogni non ne sono un’eccezione!

Ma il cuscino funge in parte anche da supporto per il nostro corpo e – da un punto di vista puramente meccanico – è ovvio che se la testa non è posizionata correttamente tutta la spina dorsale ne risente.

Ebbene, credo che nessuno desideri passare le sette-otto ore più importanti della propria giornata (quelle in cui si dorme e non quelle in cui si lavora!) in una posizione scorretta – magari poggiando il naso e la bocca su un supporto deteriorato o e pieno di acari.

Questa breve guida nasce con l’intenzione di aiutarvi a scegliere un cuscino sul quale possiate svegliarvi ogni giorno con un sorriso sulle labbra!

DA FARE – Scegli TU!

Ognuno di noi ha le sue opinioni sulle caratteristiche che deve possedere un buon cuscino. Ci sono quelli a cui piace il supporto rigido, quelli a cui piace l’imbottitura in piuma d’oca e quelli che lo vogliono poggare la testa su un supporto biologico… Quando scelgi il cuscino non ascoltare nessuno, decidi da te. E’ la tua testa che ci devi posare sopra!

FA FARE – Misurare

Prima di recarti ad acquistare un nuovo cuscino (o di acquistarlo online) prendi quello su cui dormi, misurane lo spessore, identifica il materiale (probabilmente è di lattice o di piuma), misurane lo spessore ed identificane la durezza. Sapere su cosa stai dormendo ti tornerà estremamente utile quando devi sceglierne uno nuovo.

DA EVITARE – Non agire

Se sentite (o sapete) che è ora di cambiare cuscino non sacrificate il vostro prezioso sonno per un solo giorno in più! Sul nostro blog parliamo spesso di quanto sia importante la qualità del nostro sonno, sia per il nostro cervello che per il nostro corpo. Un buon cuscino può peggiorare le vostre ore di riposo e, di conseguenza, la qualità della vostra vita. Non procrastinate!

DA FARE – Osservare

Osserva come usi il cuscino. Quando ti addormenti, come lo posizioni rispetto alla testiera del letto? E, come posizioni le mani rispetto al cuscino? Dove appoggi la testa, sul bordo o sul centro? E quando ti svegli, in che posizione ti trovi?

Conosco persone che dormono con le mani sotto il cuscino per aumentarne l’altezza e persone che lo piegavano in due per avere un supporto di spessore maggiore. C’e’ poi chi si sveglia con la testa sotto – o comunque lontano – dal cuscino. Questi comportamenti, di cui a volte la persona coinvolta non si rende neppure conto, sono indicatori delle carenza del cuscino esistente e sulle caratteristiche che dovrà avere il nuovo cuscino.

DA EVITARE – Spendere tanto

Come si diceva poc’anzi, siamo tutti diversi e non esiste il cuscino migliore. Quindi non ha senso acquistare un cuscino costosissimo pensando che spendendo di più si dorma meglio. Il cuscino va scelto cercando di capire di che cosa abbiamo bisogno e seguendo le 4 semplici regole che vi abbiamo presentato in questo articolo.  In linea di massima, comunque, si trovano cuscini di ottima qualità spendendo meno di 50 Euro.

Cuscini – offerte e prezzi online

[php snippet=18]

Cosa ne pensi? Lasciaci la tua opinione